La produzione dell’industria della Difesa turca in Libia viola l’embargo ONU, ne parliamo con Abdulla Bozkurt


La Turchia ha di recente avviato la produzione dell’Industria della Difesa in Libia presso gli stabilimenti della Factory 51 a Bani Walid. Secondo quanto confermato dalle nostre fonti, la produzione è iniziata in seguito ai colloqui tra il Capo di Stato Maggiore dell’esercito libico occidentale, il generale Mohammed El-Haddad, ed il comandante Mohammed Sewehli incaricato della sicurezza nella regione militare di Bani Walid, con l’intelligence e il Ministero della Difesa di Ankara. 

Per proseguire la lettura clicca qui su StrumentiPolitici.it