Quarantamila anni fa europei sopravvisero a eruzioni di un supervulcano


 

I primi Homo sapiens, giunti nel continente europeo circa 40.000 anni fa riuscirono a sopravvivere al cambiamento climatico innescato da una serie di eruzioni vulcaniche nei Campi Flegrei. A rintracciare i resti  di un insediamento scoperti in Liguria da un gruppo di ricercatori dell’Università di Genova,
in collaborazione con l’Università di Montreal. Lo studio, pubblicato sul Journal of Quaternary Science, indica
come chiave del successo dei sapiens la collaborazione.

“La nostra specie è capace di una grande adattabilità ambientale”, ha spiegato all’ANSA Fabio Negrino, a capo del team di ricercatori “forse è per questo che è stata in grado di colonizzare il mondo”.

Infatti i resti trovati al Riparo Bombrini in Liguria dimostrano che l’eruzione
di 39.000 anni fa non causò la scomparsa dei primi Homo sapiens, che invece furono in grado di superare la crisi grazie a contatti e scambi con gruppi molto distanti tra loro: “Diversi oggetti e strumenti trovati durante gli scavi arrivano da
centinaia di chilometri di distanza, – prosegue Negrino – come le Marche o la Valle del Rodano”.

L’aspetto legato all’uso degli strumenti è proprio una delle differenze principali tra i sapiens e i Neanderthal e probabilmente una delle ragioni del successo dei primi e della scomparsa dei secondi, commenta il ricercatore italiano: “I Neanderthal quando si spostavano in un posto nuovo non portavano nulla con sé, ma si adattavano con quello che trovavano. I sapiens invece si portavano appresso gli oggetti che ritenevano potessero tornare utili, e questo aiutava la diffusione delle tradizioni e aumentava le chance di sopravvivenza”.

Annunci