Autore: Redazione

Continua a leggere

Taciuto il 50% degli esiti di sperimentazioni cliniche. Spesso perchè danno esito negativo

Secondo uno studio dell’Organizzazione Mondiale Sanitaria il 50% dei risultati derivanti da studi clinici circa le sperimentazioni cliniche non verrebbe pubblicato, “perdendosi” letterlamente per strada.

Continua a leggere

Sbloccato il bonus asili nido. Dal 17 luglio si potrà presentare la domanda

Finalmente le famiglie che hanno bambini nati o adottati dal primo gennaio 2016 e con meno di tre anni potranno accedere al  bonus per la frequenza degli asili nido dal prossimo 17 luglio fino al 31 dicembre.

Continua a leggere

La Germania ci scippa anche le profumerie Limoni e La Gardenia

Ennesima “fuga” verso l’estero per un marchio italiano. L’azienda tedesca Douglas Gmbh ha infatti raggiunto un accordo per acquisire le profumerie Limoni e La Gardenia che da tempo non navigavano in buone acque, strozzate dai debiti che aveva in parte rastrellato l’hedge fund americano Och Ziff nel mercato secondario.

Continua a leggere

L’Inps si regge sui contributi del Settentrione e del Centroitalia

Il “Sesto Rapporto sulla regionalizzazione del bilancio previdenziale“, messo a punto da Itinerari previdenziali, ha calcolato che il Nord versa pro capite 3.086 euro l’anno di contributi, il Centro 2.236 euro e il Sud solo 1.063 euro. Tirate le somme spetta a Settentrione e Centroitalia l’onere di tenere in piedi i conti dell’Inps.

Continua a leggere

Sbarca a Torino una azienda che insegna con i mattoncini Lego

Bricks4kidz, azienda che opera in Florida nell’educazione alle materie Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica dei ragazzi fra i 3 e i 15 anni ha scelto Torino come prima sede in Italia. Mentre nei prossimi cinque anni si prevede l’apertura di 30 nuovi centri in franchising in Italia.

Continua a leggere

Giovani, l’ammortizzatore sociale (per chi può) si chiamano genitori e nonni

Nel 2016 la cifra che le famiglie italiane hanno trasferito ai giovani ammonta a 38,5 miliardi di euro, così ripartiti: 30 miliardi dai genitori, 8,5 dai nonni. Insomma i giovani italiani sempre più sulle spalle delle famiglie, nonni compresi, soprattutto quando la situazione lavorativa per loro è ancora instabile.